BIOGRAFIA

Inizia a studiare all’eta’  di otto anni, dapprima sotto la guida del M. Bernardini per poi passare, dopo circa due anni, a quella del M. U.Allodi concertista di levatura internazionale. Dato che in quegli anni la fisarmonica non era ancora ufficializzata nei conservatori segue con risultati eccellenti il programma studi del C.D.M.I. sostenendo regolari esami presso il conservatorio di La Spezia sezione staccata di Genova, le commissioni alternano grandi musicisti: F.Russo, D.Ravaglia, G.Marcosignori, A.Marletti, N.Monica, W.Beltrami.
Parallelamente allo studio della fisarmonica s’iscrive in Conservatorio e segue il corso di corno francese conseguendo e ufficializzando cosi’ anche il diploma di teoria e solfeggio.
La scuola superiore, come per la maggior parte degli artisti appassionati, e’ ritenuta da Giordano un impiccio e un ostacolo nel percorso verso la realizzazione degli obiettivi musicali, in ogni caso prosegue gli studi e consegue il diploma anche all’istituto tecnico nel 81.
Quando nel 85 parte per l’inutile anno militaresco (cosi e’ come lui definisce 365 giorni di Fanfara dei Bersaglieri – Battaglione Oslavia / Bellinzago Novarese) con grande sofferenza deve abbandonare tutte le attivita’  musicali che gia’  distinguono per talento e predisposizione la genialita’  e le doti tecniche e virtuosistiche di Giordano, già  prima del militare, infatti, Giordano colleziona riconoscimenti nazionali e europei di prestigio come: 1° premio Trofeo F.E.N.A.L.C (GE) — 1° premio Trofeo ARTEMUSICA (TO) 1° premio Trofeo PIETRO NAPOLI (LI) 1° premio Trofeo MONCALIERI (TO)
Contattato alla fine dell’avventura militare dall’agenzia teatrale I.Novaga di Forli’ decide di provare questa esperienza orchestrale e alla fine del 1986 si trasferisce definitivamente appunto in questa citta’ . Da quella data inizia a militare in prestigiosi gruppi da ballo, G.Gherardelli, I.Nicolucci, fonda insieme con altri tre musicisti il mitico GRUPPO ITALIANO; qui la sua attivita’  si arricchisce e approda a ulteriori nuove frontiere. Inizia a lavorare con grande impegno ed efficienza professionale alla realizzazione di dischi dove partecipa in veste di arrangiatore di turnista e di compositore. Nell’orchestra del M. I.Nicolucci pubblica e incide brani per fisa ma dove la vena geniale del compositore sfoga e sfocia in composizioni eccellenti di grande levatura, forse troppo per il genere e i luoghi dove era solito esibirsi, e’ nella realizzazione dei dischi per il GRUPPO ITALIANO dove alterna alle composizioni per fisa, canzoni con testi di pregevole fattura e valore: LP “cosi siamo noi” Gruppo Italiano 1991
LP “sogni” Gruppo Italiano 1992
CD “la nusica dal vivo” Gruppo Italiano 1993
Nel CD “la musica dal vivo” è tra l’altro contenuto un brano croce e delizia dei fisarmonicisti la “Polca del Re” ostico brano che coniuga vivacità , difficoltà  tecniche ed espressive ma grande risultato finale per la soddisfazione di chi riesce ad eseguirlo e per chi ha la fortuna di ascoltarlo.
Come giusto che un musicista sia, curioso di affrontare nuove sfide, nel 1995 cambia completamente genere musicale, fonda addirittura gruppi di musica moderna e commerciale dove alterna con eccellenza tromba, tastiere e uso delle “macchine” (gergo che identifica l’uso del computer o accessori elettronici).
Non tralascia mai la carriera concertistica che riesce a portare avanti parallelamente all’attività , diciamo più commerciale, della musica da ballo, infatti, tra le tante rappresentazioni ve ne sono alcune meritevoli di essere menzionate: Kammermusiskaal der Philarmonie Berlino, Teatro dell’Opera, Rassegna musette Lugano, concerti in Scandinavia in rappresentanza delle Arti Italiane, Helsinki per conto di AgerTour, suona e presta il suono della sua fisarmonica alla realizzazione di dischi per artisti come Tanita Tikaram, Eros del Silencio, Vince Vallicelli, Orchestra della RAI, Pacio Almez, Cicus du Soleil, è spesso invitato come turnista ad incidere presso studi di registrazione prestigiosi come, (Loris Ceroni Dozza) (Centonze Forlì) (G.Zanca Meldola) (Cosabeat Forlì) (Fonoprint Bologna) etc.
In tutti questi anni di ricca attivita’  non tralascia mai l’approfondimento e lo studio per lo strumento che più lo affascina e cattura, cioe’ la fisarmonica, infatti, compie stage di perfezionamento con G.Marcosignori, W.Beltrami, tecniche di improvvisazione con M.Ugoletti, S.Zanchini e da un paio di anni propone uno straordinario concerto, meglio descritto nei progetti o news, dal titolo SYNCHRONIE.
Il suo ultimo lavoro discografico e’ invece dedicato totalmente alla fisarmonica con un pizzico di ironia nel titolo del CD “Esco dal ballo….e rientro subito”. Qui si evince come un grande musicista riesce ad elevare e a rendere unico anche il genere in assoluto più popolare e commerciale come appunto, la musica da ballo.

Commento biografico per stima e ammirazione by JODY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.